Home » Sport estivi » Beach Volley: le regole e i consigli dello sport da spiaggia per eccellenza

Beach Volley: le regole e i consigli dello sport da spiaggia per eccellenza

beach volley
Le regole e i consigli per divertirsi giocando a beach volley


Se non riuscite a stare immobili come le lucertole a prendere il sole… se il sudoku sotto l’ombrellone vi ha stufato… allora vi consigliamo di prenotare il campo da beach volley che avete proprio davanti agli occhi, per una partita all’ultima goccia di sudore con il vicino di ombrellone che non aspetta altro che essere coinvolto.

Dal 1996 è diventato sport olimpionico, e ogni anno vengono organizzate manifestazioni a livello nazionale come la famosa Beach Volley Marathon di Bibione (Venezia).
Probabilmente è passato un anno dall’ultima volta che avete giocato a pallavolo sulla spiaggia, per questo vi aiutiamo a rinfrescarvi la memoria sulle regole da seguire:

  1. Le squadre sono due. I giocatori sono in tutto 4, due per ogni squadra che possono muoversi liberamente in tutto il campo a differenza della pallavolo classica dove ognuno ha il suo ruolo di volta in volta. Questo lo rende sicuramente un gioco più divertente e carico di improvvisazione.
  2. Lo scopo del gioco è far cadere la palla nel campo degli avversari facendola passare sopra la rete con tiri ad effetto o potenti in modo che l’avversario non sia in grado di intercettarla
    beach volley
    Le regole e i consigli per divertirsi giocando a beach volley
  3. Tra i due giocatori della stessa squadra si possono effettuare al massimo tre passaggi, compreso il tiro che oltrepasserà la rete per raggiungere il campo degli avversari.
  4. Si gioca esclusivamente con le mani. Colpi di testa, piedi, o altre parti del corpo non sono ammessi. Tutto ciò è considerato “fallo” con conseguente assegnazione del punto alla squadra avversaria.
  5. E i punti per vincere? Viene assegnato un punto quando la palla cade dentro il campo degli avversari, oppure, come già detto, quando questi commettono un fallo o una penalizzazione.
    A differenza della pallavolo dove si conquista il punto quando la squadra che vince l’azione del gioco è quella al servizio, nel beach volley si conquista sempre il punto a prescindere di quale squadra sia al servizio. Ciò che cambia sarà solo il battitore, che in questo caso diventerà quello della squadra avversaria. Se la palla finisce fuori dal campo, il punto va alla squadra avversaria.
  6. Vince la partita la squadra che ha conquistato almeno tre set su due. Ogni set è composto di 21 punti, con lo scarto di almeno 2 punti sulla squadra avversaria. All’ultimo set (il terzo, in caso di parità) si arriva a 15 punti, sempre con lo scarto di almeno 2 punti.

Ricordatevi di cambiare campo ad ogni fine set, oppure potrete farlo ogni 12 punti. In questo modo, oltre ad avere un’abbronzatura perfetta in ogni lato del corpo, eviterete le insolazioni e non avrete svantaggi dovuti ai raggi del sole in faccia.
A proposito, vi consigliamo di giocare con un buon paio di occhiali da sole, aderenti e con lenti che vi proteggano adeguatamente dai raggi.

Un altro consiglio salutista che vi diamo è quello di non “buttarvi in mare” immediatamente dopo la fine della partita. Anzi cercate di asciugarvi il sudore, di calmarvi, di bere e a questo punto concedetevi un bel bagno rinfrescante. Il beach volley deve infatti essere visto anche come un ottimo sport per mantenersi sani e in forma!


Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)