Home » Sport estivi » Snorkeling: lo sport dell’Estate!

Snorkeling: lo sport dell’Estate!

Guida allo snorkeling
Turisti si accingono ad esplorare i fondali con una ottima attrezzatura da snorkeling


Il nome suona strano… snorkeling letteralmente significa “usare lo Snorkel”, ovvero il boccaglio, da abbinare a maschera, pinne e ,se fa freddo, ad una leggera muta da apnea. L’attività, per alcuni un vero e proprio sport estivo, consiste nel nuotare con questa semplice dotazione per osservare ciò che il mare ha da mostrare: pesci, coralli, e tutte le altre meraviglie del fondale. Vietati fucile, arpione coltelli e altro atto a distruggere o danneggiare la fauna marina. La tecnica prevede una nuotata in stile libero, ma molto leggera, per non spaventare i pesci, anche senza l’uso delle braccia ma solo delle pinne; la faccia va sempre rivolta in giù per non perdersi mai niente, e la respirazione avviene attraverso lo “snorkel”.

Guida allo snorkeling
Turisti si accingono ad esplorare i fondali con una ottima attrezzatura da snorkeling

E’ evidente che la soddisfazione di questa attività dipende moltissimo da dove la si pratica: se siete nel Mar Rosso, ad esempio, o in una qualunque località di mare tropicale dotata di barriera corallina, lo spettacolo che si parerà davanti ai vostri occhi sarà immenso e stupendo. Per lo snorkeling in barriera vi consigliamo di documentarvi prima sui pesci ed i coralli che incontrerete, vi darà più soddisfazione riscontare i comportamenti, e magari eviterete qualche incontro con specie pericolose.

Anche il Mediterraneo può offrire ottime locazioni per lo snorkeling: scegliete una bella caletta in Sardegna, all’Isola d’Elba, o in una delle Isole Greche o della Croazia… la bellissima fauna Mediterranea non vi deluderà: Saraghi, Occhiate, Salpe, Meduse variopinte, saranno le specie che più apprezzerete, e se sarete abili nell’individuarli, in quanto sono mimetici, sarà emozionante osservare i movimenti dei polpi sul fondale.

Non dimenticate le conchiglie: anche nei nostri mari ci sono specie bellissime, tra cui molti Pecten: trattenete il respiro, andate sul fondo a raccoglierle e riemergete, un bello sbuffo dallo snorkel e via…!


2 commenti

PARTECIPA ANCHE TU A QUESTA DISCUSSIONE! MODULO COMMENTI A FINE PAGINA
  1. Annalisa Tassini

    Bell’articolo, lo snorkeling è un ottimo modo di vivere la natura in modo rilassato, specie se accompagnati da un’esperta Guida Ambientale. Il Mediterraneo è ricchissimo di vita, ma meno appariscente, ed una buona guida vi farà vedere l’invisibile :-)
    L’unica cosa da sottolineare meglio è che in mare come in terra non si devono tocare gli animali per non disturbarli e non stressarli, anche perché noi umani in natura siamo solo ospiti. Quindi non pescare Pecten dal fondo, ma solo osservarli, se si ha la fortuna di vederli fuori dalla sabbia. Non tocare nulla per nessuna ragione, né asportare niente. Solo ricercatori e naturalisti di profssione potranno tenere una piccola collezione didattica :-)
    Buone snorkelate

    • Marco (admin)
      Marco (admin)

      Giustissimo preservare la natura, ma raccogliere qualche conchiglia non più “abitata” non è sicuramente di danno!

Vuoi chiederci qualcosa?

Nome e Commento saranno pubblicati. La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
I tuoi dati sono trattati nel rispetto della privacy.
(* dato richiesto)