Home » Locali Estivi » Cocktail estivi: ricette e consigli

Cocktail estivi: ricette e consigli

Cocktail estate: quelli giusti da bere
Quali sono le ricette da seguire per stupire i vostri amici? Ecco alcuni consigli al riguardo!


Caldo uguale spiagge e serate in spiaggia fa rima con cocktail. Quando l’estate avanza e nelle ore serali si esce, è d’obbligo sorseggiare un buon drink: semplici o sofisticati, poco o decisamente alcolici, i cocktail sono fatti per essere sorseggiati e gustati in un particolare luogo o momento, con la persona giusta o con gli amici in assoluta libertà. Il drink è la svolta di una serata piuttosto che l’elemento che unisce, fonte di conversazione o di contatto.
Essendo anche un elemento distintivo, bisogna fare attenzione a bere il drink giusto al momento giusto per non rischiare di essere “out”… seguite per questo i nostri consigli!

Tra quelli assolutamente da bere durante la prossima estate ci sono: l’Americano, il Daiquiri, il Green Iguana, l’Hurricane, il Kartini Sapphire, il Mai Tai ed i classici Mojito e Caipiroska. Vediamo come farli da soli, anche se non mancherà di certo l’opportunità per sorseggiarli al bar insieme ai vostri amici e amiche.

Cocktail Americano

L’Americano, da consumarsi guardando il mare al tramonto, va preparato e servito in un bicchiere old fashion ed ha una ricetta molto semplice: 1/3 bitter Campari, 1/3 vermouth rosso, 1/3 selz, ghiaccio, fetta d’arancia per un gusto ideale prima dei pasti e accompagnato da stuzzichini. Si tratta di un aperitivo molto “macho” ed è da ordinare se volete distinguervi. Il motivo per cui questo cocktail viene chiamato Americano pur essendo stato inventato in Italia, con tutti ingredienti italiani? La spiegazione è ancora del tutto ignota! Se ne siete a conoscenza raccontatecela.

Daiquiri

Cocktail estate: quelli giusti da bere
Quali sono le ricette da seguire per stupire i vostri amici? Ecco alcuni consigli al riguardo!

Gusto più easy per il Daiquiri, ideale per notti brave in discoteca. Nella tipica coppetta da cocktail si versano rum, succo di lime, sciroppo di zucchero e cubetti di ghiaccio precedentemente agitati con lo shaker. E’ il drink caraibico per eccellenza e anche uno dei più facili da realizzare. Iniziate a spremere un limone o un lime e filtratelo. Nel mentre mettete qualche cubetto di ghiaccio nella coppa dove servirete il cocktail: una volta che il bicchiere si sarà raffreddato, togliete i cubetti di ghiaccio e scolate l’acqua in eccesso rimasta sul fondo. A questo punto inserite gli ingredienti in uno shaker e agitate il tutto: filtrate mentre state versando il succo ottenuto. Perfetto da sorseggiare con piatti dai sapori decisi.

Green Iguana

Ottimo è anche il Green Iguana che contiene tequila, lime, succo di melone e sciroppo di zucchero. Le parti da utilizzare sono le seguenti: 1/2 parte di tequila, 1 parte di succo al melone e 2 parti di agrodolce a cui va aggiunto il ghiaccio. Va servito nel bicchiere della Margarita. E’ stato uno dei cocktail preferiti delle estati passate, ma se lo ordinerete sarete sempre alla moda. Perfetto per una serata in discoteca e per divertirsi con gli amici, senza perdere la testa. Da accompagnare con piatti dai sapori decisi e piccanti, visto che il succo di melone stempera.

Hurricane

L’Hurricane va consumato come aperitivo, prima di entrare nel cuore della serata: nell’apposito bicchiere si versano rum bianco, rum scuro, succo di frutto della passione, succo d’arancia e di limone, ghiaccio tritato; per guarnire ciliegia e fetta d’arancia. Va agitato all’interno dello shaker e solo dopo va versato nel bicchiere: una volta versato potete guarnire con una scorza d’arancia. L’Hurricane è consigliato a fine pasto, visto che è considerato un cocktail digestivo a tutti gli effetti.

Kartini Sapphire

Il Kartini Sapphire è un ottimo cocktail per concludere una serata, volendo anche… prima di andare a letto! Nella coppetta si mescolano gin, Bombay Sapphire, Martini Dry, Martini Bitter, Crème de Cassis e si decora con una fettina di anguria. Una piccola curiosità: ma lo sapevate che è stato inventato da Karim Rashid?

Mai Tai

E’ invece preferibile gustare il Mai Tai in piscina: rum bianco invecchiato, rum scuro invecchiato, orange curacao, sweet and sour mix, granatina, orzata vanno shakerati e guarniti con amarena, fetta d’arancia ed una foglia di menta; il tutto in un tumbler alto. Il sapore del rum è deciso e il cocktail è molto forte: per assaporare il Mai Tai perfetto, occorre che la qualità del rum sia davvero buona, altrimenti il gusto perde la sua caratteristica principale. Vi consigliamo di aggiungere il rum scuro solo alla fine della preparazione, quando avete già shakerato tutti gli ingredienti. E’ perfetto con piatti dal gusto forte e deciso, esattamente come il cocktail stesso. Va servito con una fetta di ananas.

Mojito e Capiroska

Mojito e Caipiroska non hanno bisogno di presentazioni, sono i cocktail “pestati” per eccellenza, graditi da tutti e molto consumati sia come aperitivo, che dopo cena o in discoteca. Intramontabili, se li scegliete non sbagliate mai.

Lo sapete che la parola Mojito deriva dalla parola voodoo, “incantesimo”? In effetti quando assaporate questo intramontabile cocktail tutto vi sembra perfetto…! Viene preparato con foglie di menta (circa una decina), zucchero di canna, rum, lime e acqua frizzante. Per quanto riguarda la Caipiroska, è tipica brasiliana: viene preparata con cachaça, lime, zucchero e ghiaccio tritato.

Ricordiamo che per tutti i cocktail restano fondamentali le quantità. Se li preparate da soli, seguite alla lettera la ricetta, altrimenti affidatevi ad un bravo barman, e soprattutto che lavori con liquori di qualità!


1 Commento

PARTECIPA ANCHE TU A QUESTA DISCUSSIONE! MODULO COMMENTI A FINE PAGINA
  1. Denni Andreuzza

    il mojito non sara’ mai “pestato” ma spremuto !!!! seguire le regole originali no ?

Vuoi chiederci qualcosa?

La tua Email non sarà pubblicata né usata per pubblicità.
Inserendo un messaggio, accetti la nostra privacy policy.
(* richiesto)